Club Alpino Italiano
Sezione di Conegliano

Social

Logo Escursionismo

Gita di Escursionismo

DOMENICA 02 LUGLIO 2017

Cima Settsass (2.571 m)

Gruppo del Col di Lana

Partenzaore06:30
Ritornoore19:30
Dislivello salitam750
Dislivello discesam750
Tempo di percorrenzaore6
DifficoltàE
EquipaggiamentoNormale da escursionismo
CartografiaTabacco 07
TrasportoMezzi propri
CapogitaGuerrino Malagola
(342-7281144)
Aiuto capogitaSantina Celotto
(340-5465427)
Presentazione 27 giugno 2017 ore 21:00
Dal Passo di Valparola (2.168 m) si imbocca il facile sentiero n° 24 che parte proprio dietro il rifugio omonimo e aggira il Piz Ciampai tagliando in leggera salita il versante settentrionale del Monte Castello, per poi proseguire pressoché in piano prima di scendere nell’ampio anfiteatro posto sotto alla vetta del Settsass. Con continue belle vedute sulla Val Badia e sulle cime delle Counturines, si giunge fino alla cresta Nord della nostra montagna. Si rimonta un dosso con grossi massi, arrivando al sommo delle Pizzàde. Qui bisogna fare attenzione ad una traccia segnalata che si stacca sulla sinistra e che va seguita per raggiungere la cima. La cima, caratterizzata da una grande croce, offre panorami di incredibile vastità, ad ogni lato spazia libero il nostro sguardo: le Conturines, le cime di Fanis, il Lagazuoi, le Tofane, il Sorapiss, l’Antelao, il Pelmo, la Civetta, l’Agner, le Pale di San Martino, la Marmolada, il Padon, il Pordoi, il Sella, il Gardena, il Puez e, lontane, le Alpi austriache.

Rifocillati nel corpo e nello spirito, si scende ripercorrendo in senso inverso la via fatta in salita, fino a ritornare sul sentiero n° 24, che si seguirà per un breve tratto verso Sud e poi verso Ovest fino ad incontrare, sulla sinistra, il sentiero n° 23, proveniente dal Rifugio Pralongià. Si prosegue sul sentiero principale fino al bivio che conduce verso il passo Sief, dove tenendosi sulla sinistra si inizia la discesa che porta al bosco della Vizza, passando sotto i lisci e verticali bastioni delle Pale di Gerda. Si risale quindi il gradone delle Lastre, aiutati nel punto più ripido da una corda metallica e da dei pioli. Con un ultimo tratto in leggera salita si arriva al Lago di Valparola e quindi al vicino rifugio omonimo, chiudendo così questo meraviglioso giro ad anello nel cuore delle Dolomiti.
Versione stampabile